Apple e Google stanno rimuovendo le app sul coronavirus per combattere la disinformazione

Sia Apple che Google hanno iniziato a rimuovere le app relative al coronavirus (COVID19), secondo un nuovo rapporto della CNBC. Gli sviluppatori affermano che Apple stia rifiutando qualsiasi applicazione correlata al coronavirus se non è autorizzata da organizzazioni sanitarie riconosciute o dal governo. CNBC riferisce inoltre che Google censura i risultati delle ricerche relative al coronavirus sul Play Store.

Apple sembra bloccare le nuove app che parlano del coronavirus nel processo di revisione manuale, uno sviluppatore che ha affermato di aver ricevuto questo messaggio dal produttore degli iPhone: “Le app con informazioni sulle attuali informazioni mediche devono essere inviate da un istituto riconosciuto”.

Apple e Google non sono le uniche aziende che adottano misure per reprimere la disinformazione o chi cerca di sfruttare i disastri naturali o le epidemie per guadagnare. Facebook e Twitter hanno introdotto il divieto di disinformazione sul coronavirus e Amazon sta cercando di rimuovere prodotti di terze parti che sfruttano la situazione attuale. Sono apparsi infatti prodotti miracolosi per curare o proteggersi dal COVID-19 oppure il rialzo spaventoso del prezzo dei disinfettante per le mani e delle mascherine.

Non scappare subito via! Forse ti interessano...

L'articolo ti è stato utile?

Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *